5. ott, 2017

TICCHIOLATURA DELLA ROSA: COME PREVENIRE E RISOLVERE IL PROBLEMA

La Ticchiolatura della Rosa è una malattia fungina che colpisce molto frequentemente queste splendide piante. Si riconosce per le tipiche macchie scure nerastre rotondeggianti sulle foglie, che tendono ad allargarsi con il procedere dell’infezione, fino a sovrapporsi. Ai bordi delle macchie, le foglie iniziano a decolorarsi fino a tendere al giallo. Se non curata, la malattia porta alla completa defoliazione e disseccamento della pianta.

Il fungo può colpire anche altre parti della pianta, come i giovani fusti.

La Ticchiolatura colpisce anche altre piante, in particolare quelle da frutto, come il Melo e il Pero.

TICCHIOLATURA DELLA ROSA: COME PREVENIRE…

IL PRODOTTO CONSIGLIATO DAL CONSORZIO DI GRAGNOLA

La Ticchiolatura della Rosa è provocata dal fungo Diplocarpon rosae che si sviluppa in presenza di molta umidità e temperature elevate, oltre i 25°C. Per esempio in estate e in presenza di giornate molto piovose. In inverno il fungo sverna sulle foglie cadute al suolo o sui rami infetti, pronto a tornare in azione appena le condizioni di umidità e temperatura torneranno favorevoli.

Per prevenire il problema, dobbiamo quindi togliere tutto il materiale infetto e bruciarlo. Inoltre è bene prediligere zone ventilate per la coltivazione delle Rose e diradare la densità di piantagione per evitare un’eccessiva umidità sulle foglie. In caso di alta densità, anche una potatura di diradamento aiuta una migliore circolazione dell’aria.

…E COME CURARE

In caso di infestazione dobbiamo anzitutto togliere tutte le parti danneggiate, sia sulla pianta sia le foglie cadute, ed eliminarle. Quindi possiamo utilizzare un fungicida sistemico per piante ornamentali, ripetendo se necessario il trattamento ogni 15 giorni.

Il fungicida sistemico può essere utilizzato anche in via preventiva, in presenza delle condizioni di umidità e temperatura ideali per lo sviluppo del fungo.