5. apr, 2018

Il calcio elemento fondamentale nell'acclimatazione al freddo dell'olivo

Il calcio citosolico libero è un indice della capacità delle diverse varietà di acclimatarsi al freddo ed è un marcatore di sensibilità. Abbassamenti repentini della temperatura portano a un incremento dell'elemento nelle cellule, suggerendo che il calcio è coinvolto in un adattamento a lungo termine al freddo

L' olivo è un albero sempreverde a temperatura calda con bassa tolleranza al gelo, anche se le cultivar che differiscono per l' acclimatazione a freddo sono state selezionate attraverso osservazioni empiriche nel corso dei secoli.

Per altre specie, però, ci sono indici e sistemi più affidabili per comprendere l'adattabilità al freddo delle differenti varietà.

Nelle specie erbacee, il calcio citosolico libero ([Ca2+]c) è coinvolto nell'acclimatazione a freddo.

I ricercatori dell'Università La Sapienza di Roma hanno misurato la segnalazione di calcio citosolico libero nell' olivo durante l'acclimatazione a freddo per valutare la possibilità di utilizzarlo come marcatore di sensibilità a freddo per la selezione precoce del genotipo.

A tal fine, sono stati analizzati i protoplasti di foglie di cultivar non acclimatati a freddo e acclimatati a freddo.

Sono state analizzate cultivar che differiscono in termini di suscettibilità al freddo.

Gli shock termici di varia ampiezza applicati ai protoplasti non acclimatati hanno causato aumenti consistenti e transitori di calcio citosolico libero.

Una diminuzione di 0,05 °C/s (2,5 °C/50 s) è stata la soglia di raffreddamento alla quale si poteva ancora osservare un aumento significativo di calcio citosolico libero.

Quando i protoplasti sono stati incubati con 8-(N, N-di-metilammino)ctyl 3,4,5-trimetossi-benzoato (TMB-8); organelle Ca2+ channel blocker o Gd3+ (plasma membrana Ca2+ channel blocker), applicando la soglia di raffreddamento, l'aumento in [Ca2+]c è stato parzialmente inibito, suggerendo che sia il rilascio intracellulare sia l'afflusso attraverso la membrana plasmatica sono coinvolti.

Applicando ripetuti shock a freddo, gli aumenti transitori in calcio citosolico libero sono stati ridotti solo utilizzando un gradiente temperatura/tempo non grave.

Nei protoplasti sottoposti ad acclimatazione standard, gli aumenti in calcio citosolico libero sono stati ulteriormente ridotti o inibiti, a seconda della suscettibilità al freddo della cultivar, suggerendo che la risposta [Ca2+]c è coinvolta in un adattamento a lungo termine al freddo.

Bibliografia

 

Simone D’Angeli, Rui Malhó, Maria Maddalena Altamura,
Low-temperature sensing in olive tree: calcium signalling and cold acclimation,
Plant Science,
Volume 165, Issue 6,
2003,
Pages 1303-1313,
ISSN 0168-9452