3. feb, 2017

Potare l'olivo al minimo ma per ottenere il massimo risultato

La potatura dell’olivo non segue uno schema fisso per tutti gli alberi ed è differente da un anno all’altro. È fondamentale, quindi, riuscire ad interpretare i segnali che la pianta ci manda e ridurre al minimo gli interventi sulla base delle reali esigenze dell’albero

La potatura minima consiste nella messa a punto di strategie che, tenendo conto della fisiologia dell’albero, minimizzano il fabbisogno di lavoro per ottenerne benefici economici senza però compromettere né la produttività dell’albero, né la qualità del prodotto. Le strategie a basso fabbisogno di manodopera sono, quindi, un compromesso tra aspetti economici, organizzativi e tecnici al fine di ottenere un contenimento dei costi di produzione e la semplificazione delle operazioni di potatura. La potatura minima prevede una fase di valutazioni preliminari alle operazioni vere e proprie di taglio, in merito ad esempio al tempo medio che è possibile dedicare a ciascun albero, alla necessità o meno di potare tutti gli alberi dell’oliveto ogni anno e all’individuazione dei tagli necessari. La seconda fase riguarda, invece, le operazioni pratiche da seguire nella fase di potatura.

Il tempo medio che è possibile impiegare per la potatura di ogni albero deriva da un analisi del costo della manodopera e dal bilancio aziendale. Per iniziare la potatura, quindi, la prima cosa da afferrare non sono le “amate” forbici ma, bensì, una calcolatrice. Questo approccio, chiaramente provocatorio e sicuramente meno poetico rispetto alla potatura intesa come “arte di modellare l’ulivo”, si basa sulla semplice considerazione che il costo della potatura, a meno che non si tratti di olivi ornamentali o monumentali, è più importante dell’aspetto estetico dell’albero.

Allo stesso modo, per quanto lo sviluppo dell’oliveto possa risultare omogeneo, non tutti gli alberi necessitano di essere potati ogni anno. Nella fase di allevamento, ad esempio, la potatura dovrebbe essere fatta solo su quelle piante che presentano delle competizioni indesiderate tra fusto e branche o in presenza di evidenti differenze di sviluppo tra i diversi settori della chioma in formazione. In generale, per ciò che riguarda la scelta dei tagli da effettuare e quelli da rimandare all’anno seguente, è buona regola tagliare solo ciò che è strettamente necessario rinviando il resto ad eventuali interventi successivi. In tal senso, la necessità di dover rispettare dei tempi medi prestabiliti per ciascun albero, costringe l’operatore a limitare il numero di tagli, con ripercussioni positive anche sull’equilibrio dell’albero.

Tra le indicazioni pratiche è bene ricordare che l’intensità della potatura deve essere adeguata all’età della pianta. Pertanto, la potatura dovrà essere leggera durante la fase di allevamento ed aumentare gradualmente con lo sviluppo dell’albero. Nella fase di allevamento i tagli servono per eliminare eventuali polloni, succhioni e rami che sono in competizione col tronco o che incrociano da un lato all’altro la chioma. La potatura in fase di produzione serve a mantenere elevata e costante la produzione negli anni attraverso il rinnovo dei rami a frutto e il mantenimento di una chioma in grado favorire l’intercettazione luminosa. La potatura su alberi vecchi o deperiti dovrà essere più severa, al fine di stimolare l’accrescimento vegetativo e ristabilire un corretto rapporto foglie/legno.

L'intensità di potatura dovrebbe essere calibrata anche sulla base del carico di frutti dell’annata precedente. Dopo un annata di scarsa produzione gli alberi dovrebbero essere potati più severamente in modo da ridurre il potenziale produttivo e stimolare la produzione di nuovi rami. Al contrario, è opportuno potare in modo leggero nella primavera seguente ad un anno di carica (vedi anche “Non si può essere olivicoltori contenti ad anni alterni. Ecco allora alcuni consigli pratici” TN, 26 gennaio 2013).

Un altro accorgimento da seguire è quello di iniziare a potare dall’alto e procedere verso il basso della chioma, effettuando prima i tagli su legno grosso e successivamente quelli su legno sottile. Questo consentirà di valutare il grado di penetrazione della luce all’interno della chioma che si viene a creare con il procedere della potatura. Inoltre, si eviterà di effettuare tanti piccoli tagli su branche che successivamente verranno totalmente rimosse, con un conseguente risparmio di tempo.

Per decidere dove indirizzare gli interventi di taglio sulla chioma è bene tener presente che uno degli obbiettivi della potatura è quello di mantenere un sostanziale equilibrio tra le branche principali che dovrebbero essere di dimensioni simili tra loro. In presenza di differenze di sviluppo e di dimensione tra le branche, o tra diversi settori della chioma, i tagli dovranno essere fatti sulle branche più sviluppate, favorendo in questo modo lo sviluppo di quelle naturalmente meno vigorose.

Infine, per quanto riguarda l’epoca di potatura, nei climi esenti da gelate primaverili, può essere iniziata anche in inverno, mentre nei climi freddi vi è il rischio di esporre i tessuti a danni da freddo.

La potatura dell’olivo, a differenza di altre colture arboree, non segue uno schema fisso per tutti gli alberi ed è differente da un anno all’altro. È fondamentale, quindi, riuscire ad interpretare i segnali che la pianta ci manda e che si manifestano, ad esempio, sotto forma di eccessivo vigore vegetativo o deperimento precoce dell’albero. Pertanto, prima di iniziare a tagliare, fermiamoci ad “ascoltare” i nostri olivi e cerchiamo di capire le loro reali esigenze.

di Giovanni Caruso