2. feb, 2017

L’olio d’oliva protegge dalle malattie neurodegenerative

I biofenoli contenuti nell’extra vergine, ma anche nelle acque di vegetazioni, si sono dimostrati utili a contrastare forti stress ossidativi nelle cellule cerebrali

Un estratto derivato da olive può fornire protezione contro le malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer, secondo uno studio pubblicato sul " Journal of Agricultural and Food Chemistry ". 

Ricercatori hanno esaminato l'effetto dell’antiossidante noto come idrossitirosolo, che è stato precedentemente dimostrato avere notevoli effetti positivi per la salute tra i quali si annoverano la riduzione del colesterolo e la prevenzione del cancro. 

In una prova i ricercatori dell’Università di Barcellona hanno aggiunto al cervello delle cellule di topi composti ad elevato effetto ossidativi. Questi composti, come ad esempio ioni di ferro e un donatore di ossido di azoto, sono dannosi per le cellule a causa del loro effetto fortemente ossidante. 
Per alcune delle cellule, i ricercatori hanno anche aggiunto un estratto di oliva ricco di idrossitirosolo. 
Nelle celle sottoposte a stress l’adenosina trifosfato (ATP) è stato ridotto del 40%. Nelle cellule trattate con estratto di oliva, la riduzione dell’ATP è stata solo del 15%. Questo effetto è stato raggiunto con concentrazioni di idrossitirosolo di 0,01 milligrammi per millilitro. 

L’ATP è la primaria fonte di energia per le cellule, il trasporto di energia chimica per il metabolismo cellulare interno. 

In una seconda prova, lo stesso gruppo di ricercatori ha esaminato l'efficacia idrossitirosolo, proveniente da diverse fonti, assorbito dal corpo e penetrato poi nelle cellule cerebrali. 
Una delle fonti è stata l’acqua reflua di frantoio. 

Secondo i ricercatori, il 45,5% dell’idrossitirosolo estratto è stato in grado di diminuire gli effetti dello stress ossidativo nelle cellule cerebrali (DBC). 

"Abbiamo dimostrato che i polifenoli possono esercitare attività biologica neuronale biologica fornendo una risposta antiossidante" ha affermato Pablo Baena, responsabile delle attività di ricerca e sviluppo a Genosa, la società spagnola che ha fornito l'oliva estratto per lo studio. 

In un precedente studio, i ricercatori avevano rilevato che consumando meno 25 millilitri di olio extra vergine di oliva ogni giorno si ottengono significative riduzioni di colesterolo LDL già solo dopo solo una settimana.

Precisazione 14-5-2008
Lo studio su fenoli e neuroprotezione non e' stato effettuato a Barcellona, ma a Francoforte, in collaborazione con Francesco Visioli. Pablo Baena ha invece fornito le acque di vegetazione.

Bibliografia

Schaffer S, Podstawa M, Visioli F, Bogani P, Müller WE, Eckert GP.
Hydroxytyrosol-rich olive mill wastewater extract protects brain cells in vitro and ex vivo.
J Agric Food Chem. 2007 Jun 27;55(13):5043-9.

di T N